Il segreto del tratturo che appare e scompare

Il tratturo c’è e non c’è. Un po’ come il Molise, che esiste e non esiste. E come i tanti Comuni dell’Italia interna che ci sono e non ci sono. Raccontano che fosse largo 60 passi napoletani, ben 111 metri. Eppure oggi, in molti punti, è stato completamente ricoperto dai rovi e dalla vegetazione. Non ci sono più pecore e capre [...]

Annunci

La spada di San Michele e il cielo sopra Ferentillo

Pitagora diceva che siamo nati per un motivo: osservare il cielo. L’Appennino offre molti luoghi adatti per praticare quest’osservazione. Non bisogna salire tanto in alto. Basta scegliere la montagna giusta. Come? Come si è sempre fatto. Come facevano gli Antichi. Perché per osservare il cielo non serve un telescopio, ma basta una mente pulita. E [...]

La spada nella roccia sul monte Terminillo

La spada uccide e guarisce, è un’arma oppure una croce. Specie se piantata a terra, o in una roccia, il suo simbolismo è potente, come chi l’impugna. Ercole, Artù, Galgano e chissà, magari anche un cavaliere templare in fuga sul monte più alto tra Roma e la Sabina tra lo Stato della Chiesa e il [...]

Le pastore di Rescia e le capre facciute, riscossa d’Appennino

Ci sono capre facciute e pecore sopravissane. C’è il maialino cintato e c’è pure il lupo, per non parlare di mele e pere talmente antiche da avere nomi che sembrano usciti da un manuale di magia. Tornano pian piano sulle montagne d’Italia, sull’Appennino centrale, le specie che sono nate qui, piante e soprattutto animali: ne [...]

La bianchezza della balena e delle cime innevate

Noi che non abbiamo il mare, ma siamo in groppa a monti naviganti; noi che viviamo il paradosso di essere montanari in mezzo al Mediterraneo; noi che siamo marinai d’altura e d’altipiano…; noi, la nostra Moby Dick la scrutiamo soffiare tra catene di montagne che diventano blu all’orizzonte, come le onde dell’oceano, con la schiuma [...]

Un reddito di viandanza per i ritornanti

All’alba della storia i popoli italici si prendevano gli spazi selvatici degli Appennini, scoprendo dalle vette e dai valichi nuovi orizzonti e possibilità. Così facendo iniziavano a dar vita a quel paesaggio fatto di nomi, toponimi, borghi, sentieri, tratturi, strade, templi e chiese, miti, dei e santi, riti, storie, leggende, sangue, fatica, comunanza, bellezza e [...]