Rumiz all’amatriciana

La tappa di Amatrice in L'Appennino, il cuore segreto - Repubblica - 2006 Un viaggio in Topolino di Paolo Rumiz La prima volta ad Amatrice ci vai per un'amatriciana, ovvio. Succede che nella tua locanda una materna cameriera con chignon ti sussurri un confidenziale "che je porto", sapendo perfettamente la risposta, e poi ti serva con [...]

Annunci

Le parole del terremoto

Se ne parla troppo. Nonostante sia difficile trovare le parole. Eppure basta amare le nostre montagne e ascoltare il cuore. Oppure conservare lucidità, come quando si sale in cima. E anche il terremoto si trasforma in tante voci sincere. Che - nonostante tutto - è un piacere ascoltare e condividere. Specie se a scriverle sono [...]

Ramingo

Il fatto è che il sentiero per ogniddove ti passa sotto il naso. Ma proprio lì sotto. Basta che si apra il cancello e lo trovi. E lui ti porta fin sulla groppa dei monti, per altipiani, per Appennino, per Alpi e fino a Katmandu se hai muscoli e buon fiuto per seguirlo, per perderti, [...]

Bernardino d’Appennino

Un incontro-intervista con frate Bernardino alla Romita di Cesi, sul senso dello stare in montagna, sulla filosofia dei boschi, sui sentieri e sui conventi francescani... Il nostro ospite c’aspetta in alto. Anzi, lassù lui ci vive e per arrivarci occorre camminare su un sentiero già percorso da secoli, come in una interminabile processione tra gli alberi. [...]

Una pausa (verde) nel disgusto

"Non oltrepassare, senza benedirlo, il Genio del luogo! Se uno zeffiro più sereno giunge attraverso l'aria fino alla tua fronte, è suo, e se lungo il margine tu t'imbatti in un verde più attraente, se la freschezza della scena riversa il suo refrigerio nel tuo cuore, e per un istante lo purifica dalla polvere riarsa [...]