I segreti di Scilla

Dove finisce l’Appennino e dove inizia è questione da geografi, o da geologi. Capire che cos’è l’Appennino invece è faccenda un po’ più complessa.
Così se in una settimana te ne vai dalle Alpi a Capo Sud, da Arco di Trento a Scilla, ti viene inevitabilmente da pensare a quanto è lunga l’Italia. Pensiero banale. Poi provi a esserlo un po’ meno. Provi a guardare questo nostro Paese con gli occhi di un marziano (chissà quanti ne ha?) e pensi che sì, Rumiz c’ha proprio azzeccato.
Rumiz Paolo da Trieste, quello capace di tradurre i passi e le passeggiate in inchiostro indelebile, l’aveva detto e scritto: l’Italia è il Paese dei monti naviganti.

Sì lo è. Te n’eri accorto da piccolo quando guardavi scillal’atlante con lo stupore del bimbo, ne hai avuto conferma quando sei salito sui monti d’Appennino a cercare l’orizzonte del mare e finalmente hai fugato ogni dubbio tra la Statale Ionica e la Salerno-Reggio Calabria.
Da un mare all’altro qui, in fondo allo Stivale, ci vuole un attimo. Hai ancora nelle retine i riflessi dello Jonio e già strizzi gli occhi per un tramonto sul Tirreno. In mezzo cime e verde, gole e forre. Non sai più se sei sulla Sila o dalle parti di Rovereto.

La montagna, questa lunga spina dorsale, dalle Alpi fino a Reggio, passando per il Mugello, per il Verghereto, proprio sotto La Verna, guardando le montagne di casa, il Terminillo, i Sibillini e poi immaginando in lontananza Sua Maestà il Gran Sasso, la Laga, la Majella e giù per il Soratte, l’Irpinia dei Coppoloni, le dolomiti lucane, ancora più giù – finalmente a chiudere – l’Aspromonte.

Tra leggere una cosa e provarla ce ne corre. Che queste montagne, che si rincorrono senza sosta in mezzo ai mari da Nord a Sud (o da Sud a Nord?), siano una catena lo sai, l’hai studiato a scuola.13721308_1769118866699799_1998530473_n
Oggi sai pure che le catene servono a tenere insieme. A tenere unito quello che sta cadendo. E se al nostro povero Paese dovesse servire una catena per non venir giù, l’Appennino credo sarebbe disponibile.
Disponibile, se solo sapessimo interrogarlo e avessimo la pazienza di ascoltarlo, a restituirci un po’ di quell’antica sapienza che allontanandoci da lui abbiamo dimenticato, ma che fa parte del nostro Dna, da Nord a Sud.
E una volta tanto, una catena potrebbe restituirci la libertà. Te l’ha detto Scilla, alla fine dell’Appennino.

Una risposta a "I segreti di Scilla"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...