Sul misurare la nostra terra

"A volte non ti sembra che abbiamo perso la misura?". Ti volti a guardare il tuo compagno di camminata appenninica. "In che senso?" - gli chiedi. "In una giornata si possono fare ventimila, trentamila passi. Venti chilometri a camminare di buona lena, trenta se sei molto allenato. E che porzione di territorio puoi vedere in [...]

Annunci

Appennino, il viaggio degli dei italici

Quante sono le geografie d’Appennino? Quanti gli itinerari? Si può camminare sui tratturi dietro al ricordo (e agli odori) delle transumanze, o sulle orme dei briganti. Su quelle dei garibaldini, oppure sui passi di San Francesco. Più evanescenti, in apparenza, le tracce degli antichi dei sulle cime o quelle delle migrazioni nelle primavere sacre dei [...]

Le storie di Filippo che sente le voci delle montagne

Ci sono voci talmente flebili che quasi non si sentono più. Si confondono tra i rumori del traffico, la musica dalle cuffie dell’Iphone, il volume della televisione. Eppure ci sono. Filippo Filipponi, per esempio, le sente. E non ha poteri paranormali. Piuttosto è un collezionista di storie, un cercatore delle cose piccole e sconosciute. O [...]

Quella volta che i Wandervögel scesero in Appennino

(*) Davanti la porta del convento che somiglia a quella di una piccola rocca, c’era e c’è un ampio prato verde. In mezzo, una grande cisterna circondata da un colonnato di mattoni che sorregge le capriate sulle quali poggia un semplice tetto di coppi. Proprio lì dietro, nascosto dalle colonne, qualcosa si mosse. E la [...]

Sui sentieri delle montagne narranti

I cartelli indicano a destra il sentiero E127 a sinistra la Via dei Briganti. Non c’è dubbio: si svolta a sinistra. C’è differenza tra un’escursione e un cammino. E ce n’è altrettanta tra un trekking e camminare dentro una storia. Abbiamo passato anni a discettare sulle tecniche dell’escursionismo, sui tracciati Gps, sui dislivelli altimetrici, chini sulle mappe [...]

Patria mia è l’Appennino

Patria mia è l’Appennino. E bella gente è la sua gente, diceva Giovanni Lindo Ferretti. Patria mia è l’Appennino e francamente, oggi, non ne vedo altre. Vorrei anzi che l’Italia iniziasse solo sopra i mille metri d’altitudine (va bene, facciamo pure ottocento). Gli italiani ne trarrebbero giovamento, ne nascerebbero di migliori, quassù. Lasciandosi alle spalle [...]