Sui sentieri delle montagne narranti

I cartelli indicano a destra il sentiero E127 a sinistra la Via dei Briganti. Non c’è dubbio: si svolta a sinistra. C’è differenza tra un’escursione e un cammino. E ce n’è altrettanta tra un trekking e camminare dentro una storia. Abbiamo passato anni a discettare sulle tecniche dell’escursionismo, sui tracciati Gps, sui dislivelli altimetrici, chini sulle mappe [...]

Annunci

Se vedi la suppriscola fai il vino buono

“Fammi vedere se porti la suppriscola! Io mi giravo e mio nonno, come a togliermi qualcosa dai capelli mi diceva: eccola, mostrandomi il pollice tra le altre dita di una mano”. Dal ricordo di uno scherzo tenero e dolce è nata la passione tosta e dura per la terra. Per la sua terra: la Valnerina. [...]

Patria mia è l’Appennino

Patria mia è l’Appennino. E bella gente è la sua gente, diceva Giovanni Lindo Ferretti. Patria mia è l’Appennino e francamente, oggi, non ne vedo altre. Vorrei anzi che l’Italia iniziasse solo sopra i mille metri d’altitudine (va bene, facciamo pure ottocento). Gli italiani ne trarrebbero giovamento, ne nascerebbero di migliori, quassù. Lasciandosi alle spalle [...]

E se sul sentiero dei Martani incontrate un regolo?

Le cose più interessanti sono quelle che vedi con la coda dell’occhio. Anche in montagna, dove di sicuro è pericoloso camminare senza fare attenzione a ciò che hai davanti ai piedi. Eppure se ti fermi qualche minuto in mezzo ai sentieri, magari ti può capitare davvero di vedere qualcosa di strano con la coda dell’occhio. Specie [...]

L’ultima pastora tra fulmini, lupi e tasse

Il lupo, il fulmine e le tasse. Dai primi due Manuela sa come difendersi. Dalle tasse no. Manuela è l’ultima pastora, o meglio pecorara della montagna di Cesi. Che è una tosta si vede subito. Capelli corti, maglietta, calzoni sopra il ginocchio e modi decisi. “Aspetta, c’è una pecora che ha partorito proprio adesso!”. S’infila [...]

Appennino elettrico, un piccolo sogno steampunk

Ci sono luoghi d’Appennino dove futuro, presente e passato si confondono. Nella valle del Chienti ad esempio puoi camminare per antichi sentieri e traversare guadi, passando sotto i ciclopici viadotti di cemento armato della nuova Quadrilatero. Strani incroci e anche piuttosto perversi. Ma poi arrivi in un posto che si chiama Gelagna, tra Colfiorito, Muccia [...]